Questo sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del sito.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni clicca su MAGGIORI INFORMAZIONI

Comune di Erchie scrivi Telefono2 facebook erchie
Via Santa Croce, 2 - 72020 Erchie - c.f. 80000960742- IBAN IT 04 B 03111 79300 0000000 10124

COVID 19- DPCM 19/10/2020

PALAZZO CHIGI

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 18 ottobre 2020 sulle misure per il contrasto e il contenimento dell'emergenza Covid-19.

Leggi il Decreto 

Leggi gli allegati

COVID-19. DPCM 13 OTTOBRE 2020

DPCM

Il Presidente del Consiglio dei Ministri,  Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 13 ottobre 2020 sulle misure di contrasto e contenimento dell'emergenza Covid-19 valide dal 14 ottobre al 13 novembre 2020. 

Leggi il DPCM

Leggi gli allegati 

 

COVID-19 . COMUNICATO DEL SINDACO

 Cari Cittadini,

Ho appreso che a Erchie si è registrato un caso positivo al Covid-19. Le sue condizioni di salute non destano preoccupazione ma a titolo precauzionale il soggetto è ricoverato e la famiglia è in isolamento fiduciario. La ASL ha attivato i protocolli sanitari per la ricostruzione dei contatti .

Purtroppo i comportamenti poco virtuosi consumati nel periodo estivo e la ripresa delle attività scolastiche,  che favoriscono la maggiore socializzazione dei ragazzi, porta a considerare una possibile crescita della curva dei contagi.

Per questo, rivolgo a Tutti un forte invito al senso di responsabilità, alla prudenza e al rispetto delle norme nella vita ordinaria tra lavoro, scuola, famiglia e comunità .

Rammento il rispetto del persistente divieto di assembramento, l’ obbligo di indossare la mascherina a protezione di naso e bocca, anche all’aperto, mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro, l’igiene continua delle mani, soprattutto dopo il contatto con altri soggetti o superfici, evitare abbracci e strette di mano, segnalare immediatamente al proprio medico di famiglia sintomi di malessere riconducibili al Covid-19 e non uscire da casa con una temperatura superiore ai 37, 5°.

Sono regole semplici che devono diventare normalità nelle azioni quotidiane e per questo faccio appello ai genitori, perché siano educatori nell’esempio e nel controllo dei propri figli.

Ho diffidato Sud Est Spa perché garantisca un trasporto più sicuro, anche con la implementazione delle corse e dei mezzi, ma confido che alle fermate ciascuno sia personalmente responsabile, indossi sempre la mascherina e osservi la distanza di sicurezza,

Al momento purtroppo non ci sono strumenti differenti per proteggerci e per proteggere chi amiamo,

Ho chiesto alla Polizia Locale e al Comando dei Carabinieri di intensificare i controlli per le strade, alle fermate degli autobus, nei locali commerciali e, il mancato rispetto, sarà sanzionato con il pagamento di somme da € 400, 00 fino a € 3000,00.

Sono certo di poter contare su  Erchie

 

 

COVID-19. PROROGA STATO DI EMERGENZA

 Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, vista la nota del Ministro della salute e il parere del Comitato tecnico scientifico, ha deliberato la proroga, fino al 31 gennaio 2021, dello stato d’emergenza dichiarato in conseguenza della dichiarazione di “emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale” da parte della Organizzazione mondiale della sanità (OMS).
 
 

Ordinanza n°374 del Presidente della Regione Puglia

regione


Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato l’ordinanza num. 374 in materia di gestione dell’emergenza epidemiologica Covid19, con la quale dispone:

1. Con efficacia immediata, fermo restando l’obbligo, sull'intero territorio regionale, di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine) in tutti i luoghi all'aperto in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro, è fatto obbligo durante l'intera giornata, di usare sempre e comunque protezioni delle vie respiratorie  negli spazi all'aperto di pertinenza di luoghi e locali aperti al pubblico, nonché in tutte le aree pertinenziali delle scuole di ogni ordine e grado o antistanti ad esse (come ad esempio piazzali e marciapiedi davanti agli ingressi e alle uscite degli istituti scolastici), nonché in tutti i luoghi di attesa, salita e discesa del trasporto pubblico, fermo restando il divieto di assembramento  e l’obbligo di rispettare il distanziamento fisico.
 
2. A tal fine possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

L'obbligo di utilizzare le protezioni delle vie respiratorie di cui all’art.1, non si applica: ai congiunti o conviventi; ai bambini al di sotto dei sei anni; ai soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina e ai soggetti che interagiscono con loro.
 
La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza, salvo che il fatto costituisca reato, è punita con le sanzioni di cui all’articolo 2 comma 1 del decreto legge 16 maggio 2020 n.33 convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, e all'articolo 4, comma 1, del decreto legge 25 marzo 2020 n.19, convertito con modificazioni dalla legge 22 maggio 2020 n.35.

Leggi l'ordinanza

COVID-19.DPCM 7 SETTEMBRE 2020

CHIGI

Il Commissario Prefettizio, Viceprefetto Dott Gerardo Quaranta, rende noto che con proprio decreto, il Presidente del Consiglio dei Ministri, ha prorogato al 7 ottobre,  le misure precauzionali per contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19 contenute nel Dpcm 7 agosto 2020.

Leggi il DPCM 7/9/2020

Leggi gli Allegati 

Dpcm 7 Agosto

COVID-19. DPCM 7/8/2020 .ORDINANZE REGIONALI

Il Presidente della Regione Puglia con Ordinanza n 335/2020    ha disposto che 

Con decorrenza dal 12 agosto 2020, fermi restando i divieti e le limitazioni
di ingresso in Italia stabiliti all’articolo 4 del dpcm del 7 agosto 2020, nonché
gli obblighi e le misure di cui agli articoli 5, 6, 7 e 8 del medesimo dpcm, tutti
i cittadini pugliesi che abbiano soggiornato o transitato, per vacanza, o
vacanza - studio, in Spagna, Malta e Grecia, e che rientrino in Puglia presso
la propria abitazione o dimora, con mezzi di trasporto pubblici o privati,
hanno l’obbligo:
- di segnalare il loro arrivo e rendere le informazioni richieste,utilizzando l’apposito modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia;
- di comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta, o all’operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente;
- di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni;
- di osservare il divieto di spostamenti e viaggi;
- di rimanere raggiungibili per ogni attività di sorveglianza;
- in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o
l’operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione.

 e con ulteriore Ordinanza n 336/2020 ha disposto che

Con decorrenza dal 13 agosto , è fatto obbligo sull’intero territorio
regionale di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine) in
tutti i luoghi all’aperto in cui, a causa di particolari situazioni,
anche collegate al maggiore afflusso di persone e turisti, non sia
possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza
di sicurezza di almeno un metro, afferendo il prescritto obbligo
all’esclusiva responsabilità personale dei medesimi soggetti obbligati.
Non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché
i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso
continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.
 A tal fine possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in
materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza
adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

Con decorrenza dal 13 agosto , gli utenti di discoteche, sale da ballo
e locali assimilati hanno l’obbligo di usare protezioni delle vie
respiratorie (mascherine con le caratteristiche di cui all’art.1 co.2)
sempre, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire
continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2
metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei locali,
afferendo il prescritto obbligo all’esclusiva responsabilità personale dei medesimi utenti;


Gli esercenti, all’ingresso dei predetti locali, hanno l’obbligo di
rilevare la temperatura corporea impedendo l’accesso in caso di
temperatura superiore a 37,5°, nonché di predisporre una adeguata
informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i
clienti di altra nazionalità, sia mediante l’ausilio di apposita
segnaletica e cartellonistica e/o sistemi audio-video, sia ricorrendo a
eventuale personale addetto, incaricato di monitorare e promuovere il
rispetto delle misure di prevenzione.
 Rimangono ferme tutte le altre misure relative alle attività di
intrattenimento danzante all’aperto di cui alle Linee Guida regionali adottate con ordinanza 283/2020.

Leggi le ordinanze

Ordinanza n 335/2020 autosegnalzione https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus

Ordinanza n 336/2020 

Ordinanza n 283/2020

Leggi il DPCM

DPCM 7/8/2020

 

COVID-19. FASE 3. ORDINANZA PRESIDENTE REGIONE PUGLIA N 259/2020

REGIONE

Il Presidente della Regione Puglia, con propria ordinanza n 259 avente ad oggetto " dpcm 11 giugno 2020 - Riapertura a partire dal 15 giugno di aree giochi attrezzate per bambini; wedding e ricevimenti per eventi; attività formative in presenza; sale slot, sale giochi e sale scommesse; attività di intrattenimento danzante all'aperto, dal 22 giugno delle attività ludico-ricreative ed educative-sperimentali per la prima infanzia (3-36 mesi); delle attività ludico-ricreative di educazione non formale e attività sperimentali di educazione all’aperto “outdoor education” per bambini e adolescenti di età 3-17 anni; dei campi estivi e ripresa dal 25 giugno dello svolgimento degli sport di contatto. Approvazione Linee guida regionali contenenti le misure idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio per le attività oggetto di riapertura" ha disposto:

 

Art. 1 Sono approvate le Linee guida regionali (allegato 1 alla presente ordinanza) contenenti le misure di prevenzione e contenimento idonee a consentire la riapertura delle ulteriori attività di cui al successivo articolo 2, con decorrenza dalla data indicata per ciascuna di esse, salve le ulteriori attività necessarie per lo svolgimento degli sport di contatto.

Art.2

1. A decorrere dal 15 giugno nel rispetto delle indicazioni tecniche operative definite dalle linee guida regionali, allegato 1, sono consentite le seguenti attività: - aree giochi attrezzate per bambini; - wedding e ricevimenti per eventi; - attività formative in presenza; - sale slot, sale giochi e sale scommesse; - attività di intrattenimento danzante all'aperto.

2. A decorrere dal 22 giugno, nel rispetto delle indicazioni tecniche operative definite dalle linee guida regionali, allegato 1, contenenti i protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del dipartimento per le politiche della famiglia di cui all'allegato 8 del dpcm 11 giugno 2020, sono consentite le seguenti attività: - attività ludico-ricreative ed educative-sperimentali per la prima infanzia (3-36 mesi); - attività ludico-ricreative di educazione non formale e attività sperimentali di educazione all’aperto “outdoor education” per bambini e adolescenti di età 3-17 anni; - campi estivi.

3. A decorrere dal 25 giugno 2020, è consentito lo svolgimento degli sport di contatto, previa intesa con il Ministero della Salute e dell’Autorità di Governo delegata in materia di sport ed in conformità a quanto disposto dall’art. 1 comma 1 lett.g) del dpcm 11 giugno 2020.

Leggi l'ordinanza e le linee guida

 

Covid-19. FASE 3. DPCM 11 GIUGNO 2020

290px 107PalazzoChigi

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 11 giugno 2020 

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03194) (GU Serie Generale n.147 del 11-06-2020)

LEGGI IL DECRETO

LEGGI GLI ALLEGATI

 

 

 

Covid-19. FASE 3. DPCM 11 GIUGNO 2020 (2)

290px 107PalazzoChigi

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 11 giugno 2020 

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03194) (GU Serie Generale n.147 del 11-06-2020)

LEGGI IL DECRETO

LEGGI GLI ALLEGATI

 

 

 

COVID 19. FASE. ORDINANZA PRESIDENTE REGIONE PUGLIA N 255 DEL 10 GIUGNO 2020

REGIONE

Il Presidente della Regione Puglia  ha emanato l’ordinanza n. 255 del 10 giugno 2020D.P.C.M. 17 maggio 2020 – Riapertura con decorrenza immediata di strutture termali e centri benessere, Accompagnatori e guide turistiche, Circoli culturali e ricreativi; con decorrenza dal 15 giugno, Cinema e spettacoli dal vivo (al chiuso e all’aperto), Servizi per l’infanzia e l’adolescenza; Attività congressuali e grandi eventi fieristici. Approvazione Linee guida regionali contenenti le misure di prevenzione e contenimento idonee a consentire la riapertura, nonché contenenti nuove misure o l’aggiornamento e l’integrazione di misure di prevenzione e contenimento per alcune attività (manutenzione del verde, noleggio veicoli ed altre attrezzature, commercio al dettaglio su aree pubbliche), già esercitate nel territorio regionale" con la quale dispone:

 Art. 1 Sono approvate le Linee guida regionali (allegato 1 alla presente ordinanza) contenenti le misure di prevenzione e contenimento idonee a consentire la riapertura delle ulteriori attività di cui al successivo articolo 2, con decorrenza dalla data indicata per ciascuna di esse, nonché contenenti nuove misure di prevenzione e contenimento o l’aggiornamento e l’integrazione di misure di prevenzione e contenimento, per le attività di cui al successivo articolo 3, già esercitate, consentite o autorizzate nel territorio regionale;

Art.2  Con decorrenza immediata, nel rispetto delle indicazioni tecniche operative definite dalle linee guida regionali, allegato 1, sono consentite le seguenti attività:

 Strutture termali e centri benessere; - Accompagnatori e guide turistiche; - Circoli culturali e ricreativi;

- A decorrere dal 15 giugno 2020, nel rispetto delle indicazioni tecniche operative definite dalle linee guida regionali, allegato 1, sono consentite le seguenti attività:

 Cinema e spettacoli dal vivo (al chiuso e all’aperto); - Servizi per l’infanzia e l’adolescenza; - Attività congressuali e grandi eventi fieristici;

Art.3 Le attività di manutenzione del verde, noleggio veicoli ed altre attrezzature, nonché commercio al dettaglio su aree pubbliche sono esercitate nel rispetto delle misure idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio contenute nelle linee guida regionali (allegato 1).

leggi l'ordinanza e le linee guida

 

COVID-19. FASE 2. ORDINANZA PRESIDENTE REGIONE PUGLIA N 245 DEL 2 GIUGNO 2020

re logo

Il Presidente della Regione Puglia con ordinanza 245 del 2 giugno 2020 “Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. Obblighi di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche in Puglia”

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 ha disposto che:

1)  Con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati

- segnalano lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile al seguente link regionale

https://limesurvey.istsvc.regione.puglia.it/index.php/119341?lang=it

- dichiarano il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano;

- conservano per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno

In pieno spirito di collaborazione, è vivamente consigliato di scaricare l’app “IMMUNI” https://www.immuni.italia.it/download.html.

È esclusa l’applicabilità della misura di cui al precedente numero 1) agli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonché al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia

leggi l'ordinanza 

COVID-19. FASE 2. MODULO AUTOSEGNALAZIONE RIENTRO IN PUGLIA

MODUULO AUTOSEGNALAZIONE page 0001

Ai sensi dell'ordinanza n 245 del 2/6/2020 chi rientra in Puglia da qualsiasi territorio italiano o Estero ha l'OBBLIGO di autosegnalarsi  e di  conservare per   trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno. 

Come fare? 

CLICCA SUL LINK SEGUENTE:

https://limesurvey.istsvc.regione.puglia.it/index.php/119341?lang=it

poi esegui questi tre semplici passi:

  1. CREA il modulo
  2. CREA il PDF
  3. Scarica il PDF e invialo al tuo medico curante se sei residente. In caso contrario, invialo al dipartimento di prevenzione della A.S.L. della provincia in cui alloggerai. 

COVID-19. FASE 2. ORDINANZA REGIONALE N 240 /2020 RIPRESA ATTIVITA' TIROCINIO EXTRACURRICULARE

download 1.jpg regione

Il Presidente della Giunta Regionale, con Ordinanza n. 240 del 19 maggio 2020, dispone che è consentita la ripresa delle attività di tirocinio extracurriculare nell’ambito dei settori economici e produttivi per i quali è autorizzata la ripresa delle attività, nel rispetto degli obblighi di sicurezza, delle disposizioni e delle linea guida previste per i dipendenti del corrispondente comparto lavorativo.

Leggi l'ordinanza