Questo sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del sito.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni clicca su MAGGIORI INFORMAZIONI

Comune di Erchie scrivi Telefono2 facebook erchie
Via Santa Croce, 2 - 72020 Erchie - c.f. 80000960742- IBAN IT 04 B 03111 79300 0000000 10124

COVID 19- COMUNICATO DEL SINDACO

Gentili tutti,


mi rendo conto che in questo momento vorreste conoscere i casi di contagio in Erchie e magari anche i contagiati, per la tutela della vostra salute e comunque avere ogni possibile rassicurazione ed informazione dettagliata sull’andamento dell’emergenza pandemica nel nostro comune, ma purtroppo debbo dirvi che sei, otto casi, non fanno la differenza rispetto alla pandemia in essere anche perché, purtroppo, non siamo risparmiati neanche noi dall’inesorabile andamento della curva dei contagi, che sostanzialmente risulta in linea con i comuni limitrofi.
Il contagio ormai si estende in tutte le fasce di età, per cui nessuno si deve sentire autorizzato a ritenersi immune dal contagio, poiché, e mi riferisco soprattutto ai giovani, comportamenti che violano il rispetto delle regole esistenti e che tutti in questi mesi avete diligentemente rispettato, non possono che favorire l’evoluzione del contagio, per questo vi esorto al rispetto delle disposizioni in essere e altresì ad accettare con senso di grande responsabilità le raccomandazioni del Governo che con l’ultimo Dpcm ha raccomandato a tutti "per tutto l'arco della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".
Se dunque vogliamo evitare di rimanere chiusi in casa, come in primavera, ed evitarci le sanzioni che inevitabilmente le ultime disposizioni comportano, se disattese, e desideriamo giustamente vivere in libertà, allora dobbiamo assoggettarci al sacrificio di qualche rinuncia per il bene di tutti noi. Consapevoli che queste rinunce ci permetteranno di superare indenni i prossimi giorni, poiché ci aspetta l’inverno e non l’estate e come sapete con il freddo, ci dicono gli esperti, il virus non regredisce.
Nel ribadire il richiamo al vostro profondo senso di responsabilità e disciplina, da ultimo dimostrato in occasione della visita al cimitero per la Commemorazione dei defunti, mi affido come sempre alla vostra sensibilità, intelligenza e rispetto per il diritto alla salute e benessere di tutti, che insieme possiamo tutelare e salvaguardare, in questo particolare e grave momento, contro un nemico invisibile e ingannevole che sta distruggendo le nostre abitudini e minando la nostra esistenza.
Certo che farete tesoro di queste raccomandazioni vi auguro ogni bene.

                                                                                                                                                                                 Pasquale Nicolì