Questo sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del sito.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni clicca su MAGGIORI INFORMAZIONI

Comune di Erchie scrivi Telefono2 facebook erchie
Via Santa Croce, 2 - 72020 Erchie - c.f. 80000960742- IBAN IT 04 B 03111 79300 0000000 10124

COVID19- LEGGE 12 MARZO 2021 N 29

LEGGE 12 marzo 2021, n. 29 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2, recante ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021. (21G00038) (GU Serie Generale n.61 del 12-03-2021)
Entrata in vigore del provvedimento: 13/03/2021

LEGGI

COVID-19 COMUNICATO DEL GOVERNO

PALAZZO OCHIGI

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 7 - 12 Marzo 2021

Il Consiglio dei Ministri si è riunito venerdì 12 marzo 2021, alle ore 11.45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Mario Draghi. Segretario, il Sottosegretario alla Presidenza Roberto Garofoli.

*****

MISURE PER IL CONTENIMENTO DEL CONTAGIO DA COVID-19
Misure urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del COVID-19 (decreto-legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del COVID-19.
In considerazione della maggiore diffusività del virus e delle sue varianti e in vista delle festività pasquali, al fine di limitare ulteriormente le possibili occasioni di contagio, il provvedimento stabilisce misure di maggiore intensità rispetto a quelle già in vigore, per il periodo compreso tra il 15 marzo e il 6 aprile 2021.
Il testo prevede, tra l’altro, per tutto il periodo indicato:

l’applicazione, nei territori in zona gialla, delle misure attualmente previste per la zona arancione;
l’applicazione delle misure attualmente previste per la zona rossa alle Regioni, individuate con ordinanza del Ministro della salute, in cui si verifichi una incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti, a prescindere dagli altri parametri riferiti al colore della zona;
la facoltà per i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano di applicare le misure previste per la zona rossa, o ulteriori motivate misure più restrittive tra quelle previste dal decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, nelle Province in cui si verifichi un’incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti o nelle aree in cui la circolazione di varianti di SARS-CoV-2 determini alto rischio di diffusività o induca malattia grave.
Si prevede, nei casi di sospensione delle attività scolastiche o di infezione o quarantena dei figli, per i genitori lavoratori dipendenti la possibilità di usufruire di congedi parzialmente retribuiti e, per i lavoratori autonomi, le forze del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, le forze dell’ordine e gli operatori sanitari la possibilità di optare per un contributo per il pagamento di servizi di baby sitting, fino al 30 giugno 2021.
Dal 15 marzo al 2 aprile e il 6 aprile 2021, nelle zone gialle e arancioni, sarà possibile recarsi in altre abitazioni private abitate solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno dello stesso Comune. Si potranno spostare al massimo due persone, che potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.
Infine, nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021, sull’intero territorio nazionale, ad eccezione delle Regioni o Province autonome i cui territori si collocano in zona bianca, si applicheranno le misure stabilite per la zona rossa. In tali giorni, nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno della stessa Regione.

COVID19-ORDINANZE REGIONALI

REGIONE

Nuove misure restrittive: divieto di assembramenti e didattica a distanza fino al 6 aprile

Il Presidente della Regione Puglia ha disposto con l'Ordinanza n. 74, successivamente modificata dall'Ordinanza n. 78, misure restrittive per contrastare la ripresa della curva epidemiologica:

dal 10 marzo al 6 aprile su tutto il territorio regionale

  • divieto di stazionare con persone non conviventi o non appartenenti al proprio nucleo familiare nei pressi degli istituti scolastici, nelle piazze, nelle pubbliche vie, lungomare e belvedere, se non per per usufruire di servizi essenziali.
    I sindaci valutano, in caso di rischio di assembramento, la chiusura di piazze o vie per l'intera giornata o alcune fasce orarie
  • dalle 18 di giorni festivi e prefestivi, divieto di asporto di bevande da attività autorizzate alla somministrazione e distributori automatici h24 
  • dalle 18 divieto di asporto dai bar
  • resta l'obbligo di indossare la mascherina all'esterno e all'interno dei locali, salvo il tempo della consumazione; di esporre all'ingresso del locale un cartello che indichi il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente; resta fortemente raccomandata la consegna a domicilio di alimenti e bevande 

dal 12 marzo al 6 aprile per le province di Bari e Taranto

  • sospensione dell'attività didattica in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, salvo attività laboratoriali o per rispondere alle esigenze di alunni e alunne con bisogni educativi speciali..

Salvo che il fatto costituisca reato, il mancato rispetto delle misure è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 3mila euro.
Se la violazione è commessa nell'esercizio di una attività di impresa, si applica anche la sanzione accessoria della chiusura dell'attività da 5 a 30 giorni.

Fonte Regione Puglia

leggi l'ordinanza 74/2021

leggi l'ordinanza 78/2021

AVVISO PUBBLICO MISURE DI SOLIDARIETA' ALIMENTARE E PROTEZIONE SOCIALE

AVVISO MISURE SOLIDARIETA

 

 

AVVISO
BUONI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE E MISURE DI PROTEZIONE SOCIALE

Si informano gli interessati che prende avvio la prima finestra temporale per la presentazione delle istanze per l’accesso alle Misure di Solidarietà alimentare e Protezione Sociale.

Chiunque, percettore di redditi inferiori ad € 8.000,00, voglia inoltrare la propria richiesta può farlo utilizzando la modulistica predisposta e reperibile:

Le domande pervenute saranno valutate dai Servizi Sociali sulla base delle norme di riferimento e dalle LINEE GUIDA COMUNALI e delle modifiche integrative (Del.di G.C. n. 29/2020 e Del. di G.C. n.17/2021).

Le istanze potranno essere inoltrate esclusivamente nel corso delle aperture delle 3 finestre temporali, salvo ulteriori finestre da determinarsi fino a esaurimento fondi:                      

Prima finestra

Dal 15/03/2021 al 31/03/2021

Seconda finestra

Dal 15/04/2021 al 30/04/2021

Terza finestra

Dal 15/05/2021 al 31/05/2021

La DOMANDA, completa dell'ALLEGATO B  e di una copia del documento di identità,  devono essere compilati e spediti al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ulteriori informazioni relative ai requisiti di accesso alle misure e di presentazione delle istanze possono essere richieste direttamente ai numeri 0831768322 - 0831768323

Erchie, 10/03/2021

                               

L'Assessore alle Politiche Sociali                                                              Il Sindaco
                                             

                  Dott.ssa Pamela MELECHI'                                                        Dott. Pasquale NICOLI'

P.EB.A. - Risultati questionari online

 

I PEBA sono gli strumenti in grado di monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità e accessibilità degli edifici per tutti i cittadini prevedendo soluzioni per ciascuna barriera rilevata ed attuati con criteri basati sulle priorità di intervento.

Con deliberazione n 34 del 21/12/2020 la giunta comunale ha stabilito di dotare anche il Comune di Erchie del PEBA, avviando propedeuticamente la rilevazione dei bisogni attraverso un questionario online rivolto a tutti i potenziali stakeholder.

Di seguito si riportano i risultati elaborati in grafici e diagrammi per una lettura immediata.

 grafico 1 peba

2

3

4

5

6

 

EDUCARE IN COMUNE Candidatura

"EDUCARE IN COMUNE"

In data odierna il Comune di Erchie ha inoltrato la propria candidatura all'Avviso Pubblico emanato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

il Progetto " il Grillo parlante" é stato coprogettato con la Soc. Coop. "L'Ala " con la collaborazione dell'Istituto Comprensivo di Erchie.

PROGETTO DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE

 

Legge antifascista Stazzema

 

MEMO Grandi Magazzini Culturaliindice una campagna di raccolta firme per la proposta al Parlamento di una legge di iniziativa popolare, denominata “LEGGE ANTIFASCISTA STAZZEMA”, contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti.

I cittadini interessati alla sottoscrizione del modulo di proposta di legge, possono recarsi presso l’Ufficio Elettorale Comunale entro il 31 marzo p.v. muniti di un documento di riconoscimento.

Per ulteriori informazioni in merito al comitato proponente l’iniziativa:

https://grandimagazziniculturali.it/2021/01/legge-antifascista-stazzema-la-raccolta-firme-e-aperta-in-tutti-i-comuni/

 pagina Facebook ‘Legge Antifascista Stazzema.

 

ORDINANZA REGIONALE N 56/2021 . DIDATTICA A DISTANZA PER TUTTE LE SCUOLE

Il Presidente della Regione Puglia con propria ordinanza n 56 del 20.02.2021 ha disposto che con decorrenza dal 22 febbraio e sino a tutto il 5 marzo 2021, le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado e i CPIA adottano forme flessibili dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività scolastiche sia svolto in modalità digitale integrata (DDI)

Leggi l'ordinanza